Home page
Torna all'indice
Storia di un processo mai svolto

Le armi

Delle tre pistole che erano in possesso dei fascisti il 30 settembre, nessuna è stata mai ritrovata. A conferma dell’inettitudine, per non dire di peggio, degli investigatori. Parliamo di tre armi anche se sulla la pistola 7,65, quella che Fioravanti dichiarava di possedere, abbiamo dubbi che sia mai esistita. Come abbiamo scritto, Massimo Sparti, che secondo Fioravanti è quello che custodiva la pistola prima e dopo i fatti del 30, non ha mai confermato questo fatto.

Nonostante sia anche lui un pentito e abbia confessato numerosi reati tra i quali la custodia di numerosi armi che ha consegnato alla polizia, su questo punto non ha avallato la versione di Fioravanti neanche durante un confronto diretto tra i due.
Della calibro 22, la cui presenza è denunciata dalla presenza di un bossolo inesploso con evidenti segni di inserimento in canna, non si ha nessuna notizia.
La pistola omicida, la Beretta Mod. 34 calibro 9 corto, senza numero di matricola e con innesto per l'avvitamento del silenziatore, fu consegnata a Fernando Bardi la sera stessa dell’omicidio(48). Successivamente Alibrandi la riprese da Bardi e la prestò ad un ragazzino dell’Aurelio, uno della banda di Alibrandi, in occasione degli scontri di via Acca Larenzia.
Questo ragazzino, di cui Fioravanti non ha mai voluto fare il nome, nascose, per paura durante gli incidenti,  la pistola in un vaso di fronte alla sede missina di Acca Larenzia.

Un paio di giorni dopo Fioravanti e Alibrandi tentarono di recuperarla ma non la trovarono, e immaginarono che fosse tra quelle sequestrate dalla polizia quella sera ai fascisti.
Se questo fosse vero arriviamo all’incredibile, è impensabile che le forze di polizia sequestrano delle armi durante degli incidenti in cui ci sono stati delle vittime e non fanno delle perizie, e se le fanno non collegano i risultati ai fatti di sangue avvenuti  solo tre mesi prima.
Comunque sia ancora oggi non è dato sapere se una pistola così riconoscibile come una calibro 9 con l’innesto per il silenziatore sia stata effettivamente ritrovata dalla polizia nel gennaio ‘78, solo 4 mesi dopo dall’assassinio di Walter.


(48) Interrogatorio Fioravanti - 25/6/81

Continua...